Dolci posted by

Graffe di Francesco Guida

Graffe di Francesco Guida

Queste buonissime, soffici graffe sono una ricetta di Francesco Guida, ho letto la ricetta su gennarino, postata dalla mia amica Maria e ho deciso subito di farle, anche se è passato un po’ di tempo dalla loro realizzazione, provatele, le graffe o zeppole sono buone sempre, non solo a carnevale 😉
Raccomando di non superare la temperatura indicata di 155 °C altrimenti rischiano di colorire troppo e non cuocere bene nel mezzo.

Ingredienti:
1 kg farina forte
200 g zucchero
30 g lievito di birra
400 g di patate bollite e schiacciate
5 uova
250 g di burro morbido
20 g sale
l’interno di una bacca di vaniglia, oppure mezzo cucchiaino di vaniglia in polvere
una buccia di un’arancia e di un limone non trattati

Per decorare: 200 g di zucchero, un pizzico di cannella in polvere, crema pasticcera, amarene sciroppate o altra frutta a piacere.

Procedimento:

Impastare, nella ciotola della planetaria (a bassa velocità e con il gancio) la farina, le patate schiacciate ben fredde, lo zucchero, le uova – una per volta – ed il lievito di birra sbriciolato direttamente nell’impasto.
Dopo un paio di minuti di lavorazione, aggiungere il sale, poi la buccia degli agrumi grattugiata fine e la vaniglia. Continuate quindi, a lavorare, in modo da far prendere all’impasto una buona consistenza. Aggiungere il burro in 2 volte, a pezzetti. Far quindi riprendere consistenza e rovesciare l’impasto su un piano di lavoro dandogli la forma di una palla.
Ponete quindi a lievitare a temperatura ambiente un paio d’ore sotto una ciotola rovesciata, in modo da non seccare l’impasto.
Una volta raddoppiato, sgonfiare e sistemare in una ciotola. Poi, mettere in frigo per tutta la notte.
Al mattino, rovesciare di nuovo sul piano di lavoro e stendere con un mattarello (senza impastare) all’altezza di un centimetro circa.
Usando un coppapasta o un bicchiere rovesciato, tagliare l’impasto in cerchi e fare al centro di ognuno un buco con un coppapasta piccolo oppure con le dita.
Fare lievitare fino al raddoppio e friggere in olio a temperatura dolce (155 °C). Fare quindi sgocciolare e mentre sono ancora calde e spolverizzare o passare ogni graffa nello zucchero e cannella.
Io ho usato metà dose e ne sono venute una discreta quantità.
Volendo possono essere decorate al centro con crema pasticcera e amarene.
Noi ce le siamo mangiate tutte così, solo zuccherate e senza cannella 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi Articoli

FB Like Box

Facebook Subscribe