Cucina bresciana posted by

Bossolà

Bossolà

IMG_2758 (450x800)

Il bossolà è il dolce tipico natalizio dei bresciani, anche se ora nelle pasticcerie è possibile trovarlo tutto l’anno.
Ne esistono due versioni, quello con il lievito di birra e lunghe lievitazioni che rendono l’impasto morbido e brioscioso, un dolce da pasticceria, mentre l’altra versione viene fatta con lievito istantaneo, farina e fecola e granella di zucchero in superficie, lo si trova nelle panetterie, è un grosso ciambellone adatto per colazioni e merende ed è quello che mi lega ad un dolce ricordo…andavo a comprare il pane con la mia dolce nonnina e appena poteva me ne comprava una fetta, sì, perchè allora nelle panetterie lo si vendeva pure a fette 🙂
In realtà la versione più antica di questo dolce viene fatta con la pasta madre e con l’aggiunta di uvetta e cedro candito, ma ormai è raro trovarlo e quest’anno temo di non poterlo fare perchè il mio lievito madre è troppo deboluccio.
Questa è la versione con il lievito di birra 🙂

1° impasto: 70 gr di farina, 1 uovo piccolo, 20 gr di zucchero, 20 gr di lievito di birra fresco, 2 cucchiai di latte tiepido.
2° impasto: 150 gr di farina, 1 uovo piccolo, 25 gr di zucchero, 25 gr di burro.
3° impasto: 250 gr di farina, 3 uova piccole, 75 gr di zucchero, 90 gr di burro, un pizzico di sale, alcune gocce di essenza di vaniglia.
Preparate il primo impasto, sciogliete il lievito nel latte tiepido e aggiungete il resto degli ingredienti lavorando con una forchetta fino a rendere la pastella liscia, coprite con pellicola e lasciate lievitare per mezz’ora.
Preparate il secondo impasto, mettete nella ciotola dell’impastatrice la farina, l’uovo, lo zucchero e il primo impasto, lavorate fino ad amalgamare bene e poi inserite il burro poco alla volta, lavorate fino a incordare, formate una palla, mettetela in una ciotola coperta con pellicola e lasciatela lievitare per due ore o fino al raddoppio.
Terzo impasto, lavorate farina, uova, zucchero, sale, vaniglia e il secondo impasto fino ad amalgamare tutto, poi aggiungete il burro tenuto a temperatura ambiente, poco alla volta, incordate.
Ora potete scegliere se procedere subito alla lavorazione finale o mettere l’impasto, sempre coperto, in frigorifero per 7-8 ore, io ho seguito questo secondo procedimento, una volta fatta la palla l’ho lasciata lievitare a temp. ambiente per mezz’ora e poi ho messo la ciotola in frigorifero, il mattino dopo l’ho tolta dal frigo, lasciata a temp. ambiente per 30-40 minuti e poi finito la preparazione, in ogni caso l’ultima fase è uguale per entrambi i metodi, per l’impasto messo in frigorifero la lievitazione finale è logicamente più lunga.
Prendete l’impasto, formate una palla e praticategli un buco al centro, allargandolo il necessario per infilarlo nello stampo,imburrato e infarinato, coprite con pellicola e lasciate lievitare a temp. ambiente fino al raddoppio. Cuocete a 180 °C per 35 minuti, lasciate riposare nello stampo 5 minuti circa poi capovolgete, lasciate raffreddare e cospargete di zucchero a velo vanigliato. Il mio stampo ha la base di cm 16 di diametro e la parte superiore di cm 25.
La prossima volta proporrò la versione più rustica, con lievito istantaneo. 🙂

1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi Articoli

FB Like Box

Facebook Subscribe