Biscotti posted by

Biscotti del Re

Biscotti del Re

Possono a prima vista somigliare ai cantucci ma non lo sono, ci sono delle differenze negli ingredienti e una bella storia alle spalle.Sono una specialità tipica di Altedo, paese in provincia di Bologna. Furono preparati per la visita di re Vittorio Emanuele III nell’anno 1918 dalla signora Tuda Martinelli Pezzoli. Al re piacquero moltissimo tanto che chiese di poterne avere da mandare a casa dai figli e la signora chiese e ottenne di poterli chiamare “Biscotti del Re”.
Questa ricetta l’ho letta per la prima volta sul libro di Gino Fabbri “Pasticcere”, e siccome anche a noi sono piaciuti tanto, li ho già fatti diverse volte e pure regalati ad amici e parenti che ovviamente hanno gradito.
ING:
500 gr farina di grano tenero
350 gr zucchero semolato
3 uova
100 gr cedro candito
150 gr mandorle pelate
1 bacca di vaniglia
15 gr di liquore all’anice
125 gr di burro
2,5 gr bicarbonato di ammonio.
Se disponete di una planetaria, versate la farina, il bicarbonato, lo zucchero, il burro ammorbidito, i semi della vaniglia nella ciotola e, utilizzando la foglia, mescolate bene gli ingredienti. Altrimenti, versate il tutto in una ciotola larga e amalgamate con cura.
Tagliate a cubetti il cedro candito e aggiungetelo al composto insieme alle uova e al liquore all’anice. Continuate ad impastare fino a che è tutto ben amalgamato, per ultimo aggiungete le mandorle. Impostate la velocità al minimo e mescolate solo il tempo0 necessario a distribuire uniformemente le mandorle nell’impasto. Se procedete a mano continuate a mescolare fino ad amalgamare tutti gli ingredienti.
Formate dei filoncini larghi 4 cm e alti 3 cm , disporli su una teglia foderata con carta da forno distanziati tra loro perchè in cottura aumentano e potrebbero attaccarsi tra di loro e infornare a 180°C per 25 minuti circa.
Sfornate i filoncini, lasciateli rafreddare, poi tagliateli in diagonale formando delle fettine di circa 1,5 cm di spessore. Rimetteteli in forno a dorare per altri 5 o 6 minuti. Volendo si possono cospargere di zuchero a velo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi Articoli

FB Like Box

Facebook Subscribe